Microfusione o Fusioni a cera persa - P R O T O W A Y - Right way to fast prototyping - Prototipazione rapida

Vai ai contenuti

Menu principale:

Microfusione o Fusioni a cera persa

ITALIANO > Cosa facciamo
Protoway - Microfusione

Microfusioni o fusione a cera persa

La Microfusione o fusione a cera persa, impiega modelli identici nelle geometrie al pezzo da produrre in metallo. Questi modelli chiamati comunemente cere, sono realizzati in appositi materiali che sono studiati per liquefare o bruciare a temperature relativamente basse senza lasciare ceneri o residui. Le cere o modelli sacrificali vengono impiegati per realizzare una struttura nota come grappolo. Questa struttura in cera viene annegata in un materiale inerte (gesso o ceramica liquida) e quindi posto in cottura. Durante la cottura il refrattario solidifica e le cere si dissolvono, lasciando una cavità identica al pezzo da realizzare. Con il sistema di colata si può quindi riempire con alluminio (se il guscio è in gesso) o con acciaio (se il guscio è in ceramica). Il guscio ceramico è notevolmente più resistente ma per crearlo è necessario un procedimento molto lungo. Viene immerso il modello sacrificale nella ceramica liquida, facendo asciugare e indurire un sottile strato di ceramica. Questa operazione viene ripetuta molte volte.
Le microfusioni "ceramiche" sono contraddistinte da una risoluzione molto elevata fino a ±0,05mm ma proprio a causa del numero elevatissimo di strati che servono per costruire i pezzi, i particolari di dimensione sopra i 120 mm di altezza tendono ad avere costi molto elevati, con dimensioni massime fino a 350 mm.

Materiali:
Microfusioni in Lega di alluminio (GAlSi10 - A 357)
Microfusioni in acciaio (C40 - AISI 304 - AISI 316)

Dimensioni:
fino a 350 mm

Tempi di realizzazione:
circa 11 - 12 gg lavorativi.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu